Attori News — 17 ottobre 2012

Facciamo un piccolo gioco, provate ad immaginare il più classico dei signori sulla settantina, il simpatico vecchietto canuto, mattiniero, chiacchierone, formidabile giocatore di tressette e briscola, navigato allenatore di calcio e “sovrintendente” di tutti i lavori pubblici in corso. Ora cercate di pensare all’esatto opposto…. vi viene in mente niente? Provo a darvi una mano anzi, faccio di più vi do direttamente un nome e un cognome, Danny Trejo (16 maggio 1944). Proprio lui, il celebre attore ispanoamericano inquietante, butterato,sfregiato,palestrato, tatuato, da i lunghi capelli neri raccolti a coda di cavallo, i baffi alla Fu Manchu e una faccia da duro che fa sembrare Bruce Willis, Chuck Norris, Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger soltanto un gruppetto di spaesati ragazzini durante il loro primo giorno di scuola. Uno che entra di diritto nella top ten dei tizi che non vorresti mai incontrare mentre torni a casa di notte da solo e, in quella dei personaggi da evitare a tutti i costi durante una rissa fuori dal bar. Un personaggio fuori dalla norma che, proprio grazie a queste sue caratteristiche, è divenuto uno dei migliori e più ricercati caratteristi della scena hollywoodiana, perfetto per ricoprire qualsiasi ruolo in film d’azione,horror e splatter.

Come per molti altri attori anche la vita di Danny sembra assomigliare molto ad una favola, nella quale fortuna e talento giocano un ruolo di primo di piano.

Nato e cresciuto nei sobborghi di Los Angeles , vive un’infanzia e una giovinezza turbolenta, macchiata da numerosi crimini e da una precoce dipendenza dall’eroina. Il giovane Trejo entra ed esce dal riformatorio prima e dal carcere poi, scontando un totale di 11 anni di reclusione nelle prigioni di Tracy, San Quintino e Soledad.

Paradossalmente è proprio l ‘esperienza carceraria ad aprire a Danny la strada verso il successo, la sua redenzione avviene in primis grazie al pugilato, Trejo diventa campione statale del circuito carcerario californiano dei pesi leggeri e welter e, proprio l’impegno e la passione per lo sport lo convincono a riabilitarsi e a porre fine al capitolo più nero della sua vita. L’adagio “aiutati che Dio ti aiuta” sembra trovare ancora una volta un’ulteriore conferma quando, Danny ,invitato dallo scrittore ,sceneggiatore ed ex galetto Edward Bunker sul set del film A trenta secondi dalla fine, riesce a far colpo sul regista Andrei Konchalovsky , ottenendo una parte non poco importante. La pellicola rappresenta la svolta decisiva per l’attore di origini messicane che, successivamente colleziona numerose interpretazioni in film d’azione di “serie b” per poi debuttare anche nel grande cinema di primo livello( Heat- La sfida, Con Air). Di notevole importanza è il sodalizio lavorativo tra Trejo e il regista pulp Robert Rodriguez, la coppia si rivela sin da subito affiatata e vincente, riuscendo ad ottenere un grande successo grazie a cult movie come C’era un volta in Messico, la triologia Dal tramonto all’alba , Grindhouse- Planet Terror e Machete. Proprio durante la presentazione di quest’ultima opera Trejo, nel corso di un’intervista, ha rilasciato un’importante dichiarazione che fa il paio con la sua redenzione “La mia vera passione è parlare con i ragazzi in difficoltà. Tengo molti incontri nei riformatori e nelle carceri. Sono molto fortunato a lavorare nel mondo del cinema: attiro l’attenzione della gente semplicemente schioccando le dita, perché nel momento in cui entro in un campus o in una prigione tutti mi ascoltano. Anche i peggiori delinquenti, perché sanno che ero uno di loro e ora sono una star. Il mio messaggio per loro è semplice: state lontani da droga e alcol. Tutto è possibile se Dio è al vostro fianco. “

Davvero un importante esempio e un bel lieto fine per favola che vede come protagonista un “cattivone” come Danny Trejo.

Francesco Tagliaferri

 

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.