Archivio film Cinema News — 10 Settembre 2021

In una Napoli fatta di caos, tifo calcistico, famiglia e dramma Paolo Sorrentino racconta un pezzo di sé con il suo film in concorso alla 78esima Mostra del Cinema di Venezia.

È Stata la Mano di Dio è pezzo di esperienza personale del regista che porta con sé il dramma della scomparsa dei genitori a causa di una fuga di monossido di carbonio nella loro casa di Roccaraso. La ricostruzione di un frammento di vita, magistralmente accostato a storie immaginarie e raccontato attraverso il giovanissimo Fabietto Schisa (Filippo Scotti) che invece di andare insieme ai genitori, riesce a farsi dare il permesso per andare a vedere Empoli-Napoli. Una salvezza data dal suo idolo Maradona che forse rappresenta qualcosa di più. Un salvatore non solo di “due patrie calcistiche” ma del giovane, perché come dice Alfredo (Renato Carpentieri) a Fabietto è stato lui: è stata la mano di Dio.

In una cornice estremamente poetica in cui convivialità famigliare e irriverente ironia si mescolano alla vita osservata attraverso gli occhi di un adolescente che sente la mancanza di quegli affetti dettati dall’amicizia e di un’amore. Il ritratto di una famiglia poliedrica: ognuno ha i suoi pregi e i suoi difetti, i suoi desideri e le sue sofferenze, i suoi piaceri e i suoi vizi.

Mentre la zia Patrizia (Luisa Ranieri) si lascia ammaliare dall’apparizione del monaciello per scongiurare la sua sofferenza, il rapporto tra i genitori si fa altalenante e tra Saverio (Toni Servillo) e Maria (Teresa Saponangelo) aleggia il triste fantasma dell’infedeltà.  

Nel film ogni attore è perfettamente integrato nel proprio ruolo trasmettendo una naturalezza e un’emozione che calano lo spettatore in una magica è impalpabile atmosfera fatta di ricordi. Non c’è una predominanza ma, tutto è perfettamente coeso e raccontato in modo straordinario. Ironia e dramma convivono in armonia senza appesantire i toni. Non c’è solennità per qualcosa che rompe un equilibro all’interno del protagonista che deve convivere con il suo senso di abbandono e dolore.

Un cammino autobiografico in cui tragedia e salvezza dettano le regole di un futuro che Fabietto inizia a scrivere, seduto sul sedile di un treno in cui l’emozione resta irrisolta accompagnata da una “Napule è” carica di sentimenti da raccontare.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.