Cinema — 27 ottobre 2012

A metà novembre le edizioni Pendragon di Bologna pubblicheranno “L’ULTIMA TROVATA. TRENT’ANNI DI CINEMA SENZA ELIO PETRI”. Il libro, curato dallo studioso di cinema Diego Mondella, rende omaggio, a trent’anni dalla sua scomparsa (10 novembre 1982), a uno degli autori più originali e controversi del cinema italiano degli anni ‘60 e ‘70, con l’intenzione di farlo (ri)scoprire alle generazioni più giovani.

Elio Petri, ingiustamente sottovalutato, o peggio dimenticato dalla critica, firmò alcuni fra i capolavori del cinema d’impegno civile e politico come “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”, “La classe operaia va in paradiso”, “Todo Modo”.

Il libro, che vanta la prefazione di Walter Veltroni, contiene gli interventi di studiosi, critici, giornalisti e scrittori, fra cui Steve Della Casa, Marco Giusti, Andrea Bajani, Roberto Cotroneo. E le testimonianze di illustri personaggi del cinema come Tonino Guerra, Carlo Lizzani e Giuliano Montaldo.

Redazione

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.