Cinema News — 24 gennaio 2013

Il week-end è alle porte e il cattivo tempo invoglia ancora di più a recarsi nei cinema con amici, fidanzati o, perché no, da soli per riscoprire il piacere della solitudine. Do una sbirciata a quelle che sono le uscite cinematografiche del giorno e mi si stampa un sorriso ebete sul volto e mi domando “e cosa scelgo ora?”. Questa settimana i film in uscita sono preceduti dalla loro fama. Sto parlando del biografico Lincoln, il nuovo lavoro di Steven Spielberg e dell’adrenalinico Flight di Robert Zemeckis. I due registi, amici nella vita privata, sono entrambi straordinari e la scelta è davvero ardua. Pellicole come Ritorno al futuro, Schindler’s List, Cast Away, Prova a prendermi o Forrest Gump sono decisamente tra le mie preferite e decidere quale film andare a vedere è sempre più difficile.

Lincoln tratta appunto la storia di Abramo Lincoln, seguendo il libro “Team of Rivals: The Political Genius of Abraham Lincoln” di Doris Kearns Goodwin. L’idea della realizzazione del film nasce dall’incontro tra il regista e la scrittrice, Spielberg ha dunque l’opportunità di leggere il lavoro della Goodwin in anteprima e ne rimane affascinato. Attore protagonista Daniel Day Lewis, vincitore in passato di due premi Oscar per miglior attore. La pellicola racconta la vita privata e politica del Presidente, durante gli ultimi mesi del mandato. La ventata rivoluzionaria sull’unione degli Stati e l’enorme passo per l’umanità, concretizzato nel 13imo emendamento, per l’abolizione della schiavitù permetteranno a Lincoln di imprimere una svolta senza precedenti al Paese e di rimanere impresso nel cuore dei cittadini di generazione in generazione. La pellicola ha riscosso molto successo tra le candidature agli Oscar, tanto da essere in gara per 12 statuette tra cui quelle più importanti, miglior film, miglior regia e miglior attore protagonista Daniel Day Lewis, già premiato con un Golden Globe.

L’altro film in uscita oggi è Flight, diretto dal pluripremiato Robert Zemeckis con un temerario Denzel Washington, che nella maggior parte delle occasioni è una garanzia. Flight racconta l’avventura di Whip Whitaker, un pilota di linea con il problema dell’alcool. Dopo una serata sopra le righe, passata in compagnia di una giovane hostess, il comandante si appresta ad affrontare l’ennesimo volto, affiancato dal suo vice, al contrario di lui, preciso e diligente. Durante quello che doveva essere un tranquillo volo tra Orlando ed Atlanta, un improvviso cedimento della struttura costringe il comandante ad un atterraggio di emergenza, fidandosi per lo più del proprio istinto, con i nervi a fior di pelle in una situazione del genere. Whip riesce nell’impresa e diventa un eroe per la stampa e per l’opinione pubblica. Ma in casi del genere niente viene lasciato al caso. Le indagini partono, veloci ed approfondite, ed oltre a rivelare dei danni di tipo tecnico-meccanico mettono in luce quello che il comandante aveva cercato di nascondere: il suo problema con l’alcool. Perché l’uomo ha bisogno di superare i propri limiti in alcuni momenti? Cosa possono causare questi abusi, tragedie o gesti eroici? Un film che promette un paio d’ore emozionanti, con un Denzel Washington in nomination per la statuetta di miglior attore protagonista.

Più leggo notizie sui due film e più sono indecisa. Sapete che vi dico? Non mi resta che vederli entrambi!

 

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.