Archivio film Cinema News — 27 settembre 2016

 

Un film di indiscusso sarcasmo e ironia portato alto dall’ombrello da sole della protagonista Beatrice, solo ostentata fino a risultare ridicola. Se fossi siciliana direi questo e’ un film sulle fuitine…ed e’cosi’. Quello che ho visto in questo film e’ un fuggi fuggi, scappa scappa.

Le scene si susseguono senza continuita’ e la cosi’ detta mano invisibile ovvero la regia del tutto assente. Il tema non viene toccato minimamente, la sceneggiatura e’ piena di trucchetti ed escamotage al limite della sopportazione. Da La pazza gioia, film che ha rappresentato l’Italia a Cannes 2016, mi aspettavo di piu’, alcune scene avvengono per puro caso, come quando Valeria incontra il figlio al mare in spiaggia…neanche Houdini’ poteva fare di meglio. Sono proprio le storie rocambolesche, ripetute, che rendono questo film stanco e con esso anche lo spettatore. E’ un film altamente superficiale, perche’ ambientarlo in un manicomio se questo aspetto non viene raccontato? Forse io sono rimasta col pensiero a Ragazze Interrotte un film toccante, ma anche divertente a suo modo, con una Angelina Jolie al massimo della sua forma e recitativo.

Certo, la tara e’ diversa, un film drammatico contro una commedia, pero’ se si fa una scelta cinematografica per la location, io credo, vada rispettata.

 

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.