Archivio film Cinema News — 12 Marzo 2018

Titolo originale: Lady Bird

Regia: Greta Gerwig

Soggetto e sceneggiatura: Greta Gerwig
Montaggio: Nick Houy

Musiche: Jon Brion

Cast: Saoirse Ronan, Laurie Metcalf, Tracy Letts, Lucas Hedges

Produzione: Scott Rudin Productions

Anno: 2017
Durata: 93 minuti

Nazionalità: Stati Uniti

Già vincitore di due Golden Globe, Lady Bird, candidato agli ultimi Oscar in cinque categorie, non ne ha vinto nessuno.

Si tratta di un coming-of-age, con contaminazioni musical comedy che racconta la quotidianità della giovane Christine, ovvero Lady Bird, come preferisce farsi chiamare lei. La protagonista che abita a Sacramento, il Midwest della California dove non succede mai nulla, frequenta un liceo cattolico perché il fratello ha assistito ad una sparatoria fuori da quello pubblico. Lady Bird, che sogna di diventare un’artista, si vergogna della sua famiglia perché non appartiene all’alta borghesia e fa di tutto per tenere nascosta la sua provenienza.

Il carattere autobiografico dell’opera è esplicito. Greta Gerwig, che è nata e cresciuta proprio a Sacramento, è una figura quasi leggendaria del cinema americano indipendente. E’ infatti l’attrice regina del mumblecore, quel sottogenere indie dove prevalgono gli interni chiusi e i protagonisti, ventenni e trentenni in crisi, sono alle prese con problemi esistenziali dai risvolti tragicomici. Sono film che spesso hanno come modello di riferimento le opere giovanili di Jim Jarmush, Richard Linklater e Kevin Smith.

Lo sguardo di Gerwig è tenero e conciliatorio, come se oltre ad identificarsi con la ragazzina ribelle e piena di sogni (interpretata da una convincente Saoirse Ronan) comprendesse anche la madre (una bravissima Laurie Metcalf) costretta a volte ad essere “dura” per il bene stesso della figlia.

Un esordio alla regia che seppur riuscito non è all’altezza delle aspettative. E chissà forse un giorno vedremo salire Greta Gerwig sul palco dell’Academy per ricevere un Oscar come Migliore Attrice.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *