Archivio film Cinema News — 01 Agosto 2019

Regia: David Yarovesky 
Sceneggiatura: Brian Gunn, Mark Gunn
Cast: Elizabeth Banks, David Denman, Jackson A. Dunn 
Fotografia: Michael Dallatorre
Montaggio: Andrew S. Eisen 
Musiche: Timothy Williams 
Produzione: Screen Gems, Stage 6 Films, Troll Court Entertainment, The H Collective

Distribuzione: Sony Pictures Releasing 
Paese d’origine: USA 
Durata: 90′

Tori e Kyle Breyer, una giovane coppia che vive a Brightburn, una cittadina del Kansas, cercano in tutti i modi di avere un figlio, ma i loro problemi di infertilità sembrano irrimediabilmente destinati a precludere questa gioia. Una notte i due vengono spaventati da un violentissimo schianto provocato da qualcosa di enorme che dal cielo precipita sul terreno della loro fattoria. Si tratta di una misteriosa navicella con a bordo un neonato che, nonostante il tremendo impatto, risulta essere miracolosamente illeso. Per Tori e Kyle si tratta della risposta tanto attesa al loro desiderio di diventare finalmente genitori e, senza pensarci due volte, la coppia decide subito di adottare il piccolo e di chiamarlo Brandon. Col passare degli anni Brandon si dimostra un ragazzo molto intelligente e sensibile, ma, ad un certo punto, qualcosa in lui inizia progressivamente a cambiare alterandone la dolce ed apparentemente fragile personalità e trasformandolo in un essere malvagio che semina morte e distruzione…. 
L’incontro tra l’orrore e la fantascienza è il pretesto per inanellare un’arida serie di scene di suspence risapute e irritanti perchè non legate fra loro dal benché minimo filo logico. Nonostante il sangue copiosamente versato e le tante catastrofi disseminate, il film non lascia alcuna traccia dietro di sé. Recuperate piuttosto il primo OMEN del 1976 di Richard Donner con Gregory Peck e Lee Remick  (al quale questa sciagurata operazione tenta maldestramente di rifarsi) e lasciate perdere l’insopportabile supereroe al contrario, quasi una sorta di figlio rinnegato degli Avengers, impersonato dal ragazzino monocorde di questo film. 

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *