Cinema — 22 giugno 2015

]]>

Parigi, 1682. Corpetti, parrucche e nastri di velluto: la corte si prepara a trasferirsi a Versailles, ma Luigi XIV è un re sottotono e Madame De Barra è una giardiniera. Alan Rickman veste gli attori inglesi di vezzi e costumi francesi ma dimentica di dar vita a quelle marionette ingessate dietro ciprie e protocolli di palazzo. E Le regole del caos assomiglia più a una pantomima in costume che a un dramma storico e sentimentale.

Sabine De Barra (Kate Winslet), talentuosa paesaggista della campagna francese, è in lizza per un incarico alla corte di Luigi XIV (Alan Rickman). L’artista di corte André Le Notre (Matthias Schoenaerts) è stato commissionato dal sovrano per realizzare il boschetto in pietra, il giardino degli spettacoli della reggia di Versailles. Il progetto innovativo di Sabine incuriosisce, nonostante il primo disappunto, lo sguardo attento di Le Notre, fedele all’ordine e ai gusti del re. L’esuberanza e l’originalità di Madame de Barra colpiranno, poi, anche il cuore del placido giardiniere, che nel caos ritroverà il suo ordine.

CONTINUA SU: CULTORA

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.