Cinema News — 02 agosto 2014

Titolo: Hard to Be a God
Regia: Aleksej Jurevič German
Soggetto: dal romanzo omonimo di Arkadiy Strugatskiy e Boris Strugatskiy
Sceneggiatura: Aleksej Jurevič German, Svetlana Carmalita
Fotografia: Vladimir Ilin, Yuri Klimenko
Scenografia: Sergei Kokovkin, Georgi Kropachyov
Interpreti: Leonid Yarmolnik, Dmitri Vladimirov, Laura Lauri, Aleksandr Ilyn, Yuriy Tsurilo, Oleg Botin, Yevgeni Gerchakov
Produzione: Sever Studio, Lenfilm Studio
Nazionalità: Russia, Repubblica Ceca
Anno: 2013
Durata: 170 minuti

 

Il cinema sovietico di fantascienza, quello dei Settanta in piena guerra fredda, si meriterebbe una monografia a parte e non solo per il solito Solaris, ma per opere meno filosofiche quanto spettacolari e tecnofobiche come The Amphibian Man di Vladimir Chebotaryov  e Gennadi Kazansky.
E se prima o poi qualche studio uscirà, nel frattempo a tenere desta l’attenzione sul fenomeno c’è questo Hard to Be a God, che come altri fanta-film della terra del Cremlino, ha subito il boicottaggio dei nostri distributori.
Ci infervoriamo perché la fantascienza povera in bianco e nero di German, tratta dal romanzo di Arkady e Boris Strugatsky, ha entusiasmato noi come gli spettatori del festival di Roma 2013. Questo perché il regista nel rappresentare un mondo alieno fermo al Medioevo, effettua godardianamente una radicale decostruzione del mondo visibile. Don Rumata è l’eroe che politicamente difende l’individualismo dalle dittature e si muove in un contesto dove gli eventi sono possibilità e la dimensione spazio-temporale una variabile soggettiva. Nelle sue azioni più razionali che pragmatiche Don Rumata  esplora un orizzonte visivo frammentato, dove gli eventi si ripetono  smontando i soggetti-esistenziali come il protagonista, proprio come farebbero Bela Tarr ed Herzog. Un film che si pone vettore insomma per lo sviluppo di una nuova filosofia e di una nuova estetica in fieri.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.