Archivio film Cinema News — 02 Luglio 2015

UDINE – Non è certo cosa di tutti i giorni che un capolavoro della storia del cinema passi dalle proiezioni straordinarie (dentro il perimetro di un festival o dentro la dimensione one shot di un evento speciale) alla programmazione in sala. Era capitato 2 anni fa alla Teodora, con il trionfo di Vogliamo vivere! (To Be or Not To Be) di Lubitsch, e adesso capita alla friulana Tucker Film: sull’onda del successo che sta riscuotendo il progetto Ozu Yasujiro – I sei capolavori restaurati, infatti, il leggendario Viaggio a Tokyo (Tokyo Story) entra da giovedì 2 luglio “in tenitura” all’Anteo spazioCinema di Milano con 3 spettacoli al giorno!
Un risultato davvero storico, inutile sottolinearlo, perché ci troviamo difronte a un gioiello d’autore in bianco e nero del 1953. Un film che, capitanando idealmente gli altri 5 titoli della rassegna, è riuscito con le sue sole forze a diventare “di attualità”. Ad affermare che la bellezza e la poesia, anche in questi anni così inutilmente frettolosi e rumorosi, hanno pieno diritto di cittadinanza…
Ma ritorniamo, brevemente, all’intero progetto. Messo a punto dalla Tucker Film con la storica Shochiku di Tokyo e con FICE – Federazione italiana dei cinema d’essai, Ozu Yasujiro – I sei capolavori restaurati vede aumentare giorno per giorno le richieste dei cinema (tra cui, oltre alla stessa Milano, anche Firenze, Torino e Roma). Evento culturale, prima ancora che evento cinematografico in senso stretto, questo omaggio al mitico maestro giapponese riporta al cinema alcuni tra i titoli più amati e preziosi del vasto catalogo, restaurati e digitalizzati dalla stessa Shochiku (la celebre major nipponica ha prodotto la maggior parte delle sue 54 opere). I restauri verranno proiettati per la prima volta in Italia ad eccezione di Buongiorno (Good Morning), che il Far East Film Festival di Udine ha presentato nel 2014.
Assieme allo stesso Buon giorno, dunque, gli spettatori italiani potranno finalmente ammirare in sala Fiori di Equinozio (Equinox Flower), Tardo autunno (Late Autumn), Il gusto del sake (An Autumn Afternoon), Tarda primavera (Late Spring) e, naturalmente, Viaggio a Tokyo, incoronato“ miglior film della storia del cinema” da 350 registi di tutto il mondo.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *