Cinema News — 02 maggio 2014

Far East Film Festival 16

THE ATTORNEY (titolo originale: Byeonho-in)

Regia di Yang Woo-seok
Corea del Sud, 2013
Durata: 127’

Da qualche anno, la Corea del Sud ha iniziato a fare i conti con il suo passato. Dopo National Security (2012) di Chung Ji-young, ispirato alla storia vera dell’ex ministro Kim Geun-tae, torturato quando era un giovane attivista democratico, a dicembre dello scorso anno è uscito nelle sale The Attorney di Yang Woo-seok, che ne è anche co-sceneggiatore.

La première europea, in occasione del 16esimo Far East Film Festival, è stata accolta con interesse. Dietro a quello che si presenta come un ibrido fra un biopic e un legal thriller, si intuisce che c’è una storia vera, ambientata negli anni Ottanta, ai tempi della dittatura di Chun Doo-hwan, il generale salito al potere dopo la morte di Park Chung-hee, padre dell’attuale presidente coreana. Il film è infatti liberamente ispirato alla vita di Roh Moo-hyun (1946-2009), presidente della Corea del Sud morto, probabilmente, suicida.

Siamo nel 1978. Song Woo-seok è un giovane avvocato, ottimista e pieno di ambizione ma senza una laurea in tasca, guardato dall’alto in basso dai colleghi più professionali. A differenza di loro, Song sa cosa significa sgobbare per farsi strada nella vita: ha fatto anche il muratore per pagarsi gli studi e mantenere la giovane moglie e il figlio. Con un colpo di genio, si è buttato nel business della consulenza fiscale ed è diventato un legale di successo.

Un giorno, va nel ristorante che frequentava durante gli studi. Si fa riconoscere dalla proprietaria, che vive con il figlio Jin-woo, ormai studente universitario, e salda il suo debito con la donna, che lo aveva aiutato negli anni più duri. Rinasce così un’amicizia.

Preso dalla sua vita privata, Song si disinteressa di politica. Durante una cena, litiga con un suo ex compagno di liceo che fa il giornalista proprio sul tema delle proteste giovanili, in corso all’inizio degli anni Ottanta. Secondo l’avvocato, tentare di cambiare la situazione politica è tempo perso.

Ma nella sua vita irrompe un imprevisto. Jin-woo, il figlio della ristoratrice, scompare. Assieme ad altri giovani studenti, è coinvolto nel caso del Busan Book Club, un circolo di lettura i cui membri, in virtù del National Security Act, vengono arrestati e torturati con l’accusa di essere comunisti.

È il punto di svolta: Song accetta di difendere il ragazzo e in un crescendo di impegno si tramuta in un tenace attivista per i diritti civili. Denuncia le torture, la corruzione, le confessioni estorte con la violenza e prive di qualsiasi fondamento di verità, mettendo a rischio la sua stessa carriera di avvocato e incorrendo nelle minacce dei servizi segreti. La finzione filmica non va oltre l’ascesa di Song-Roh come paladino dei diritti umani. Il destino del futuro presidente, figura controversa, fu meno brillante di questa fase della sua vita, raccontata nel film.

Superba è, invece, l’interpretazione di Song Kang-ho, che impersona l’avvocato. È decisamente un momento fortunato per il versatile attore coreano, capace di calarsi con maestria nei ruoli più diversi. L’abbiamo visto eroico fratello nel fantascientifico The Host (2006), ladro nel western Il Buono, il matto e il cattivo (2008) e prete-vampiro in Thirst (2009). Più recentemente, in The Snowpiercer (2013) di Bong Joon-ho, con un cast di star hollywoodiane di prim’ordine, ha interpretato il ruolo dello specialista della sicurezza del treno che trasporta gli ultimi sopravvissuti dell’umanità. Al Far East Film Festival 16 è stato possibile vederlo anche nel grande affresco storico The Face Reader (2013) di Hae Jae-rim nei panni del protagonista, un film in costume che ha portato al cinema lo scorso anno oltre 9 milioni di coreani. Anche The Attorney nel box office dei film coreani d’inizio 2014 ha conquistato il pubblico, con 5 milioni 688 mila biglietti venduti. Certamente anche per merito di un grande Song Kang-ho.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.