Archivio film Cinema News — 18 Apr 2018

Titolo originale: Riccardo va all’inferno

Regia: Roberta Torre

Soggetto e sceneggiatura: Roberta Torre, Valerio Bariletti, Claudio Casadio
Montaggio: Giogiò Franchini

Musiche: Mauro Pagani

Cast: Massimo Ranieri, Sonia Bergamasco, Silvia Gallerani, Ivan Franek, Silvia Calderoni

Produzione: Paolo Guerra per AGIDI, ROSEBUD ENTERTAINMENT PICTURES

Anno: 2017
Durata: 91 minuti

Nazionalità: Italia

 

Roberta Torre ritorna al musical kitsch di Tano da morire e Sud Side Stori, dopo quasi vent’anni in cui ha girato due docufiction, due film drammatici e una commedia.

Riccardo va all’inferno, ispirato al Riccardo III di Shakespeare, è ambientato in una Roma contemporanea sotterranea, dove si consumano atroci vendette familiari. Ci si potrebbe però trovare in un altrove qualunque e il vago riferimento a Mafia Capitale è solo pretestuoso in quanto non c’è nessun approfondimento dell’attualità politica e sociale.

L’ambientazione è notturna come in un film di vampiri, lo stile è volutamente grottesco ed eccessivo, con alcuni rimandi al Rocky Horror Pictures Show e al cinema di Terry Gilliam. Un divertissement gotico che affronta i temi della famosa opera shakespeariana solo superficialmente. Se Tano da morire  e Sud Side Stori per ragioni differenti erano quasi eversivi, Riccardo va all’inferno non risulta un film scioccante o disturbante (come nelle intenzioni della regista) ma solo gradevole da guardare.

Parte del cast è preso in prestito dal teatro, come per esempio Silvia Gallerano, conosciuta per il famoso spettacolo La Merda e Silvia Calderoni, attrice feticcio dei Motus.

Massimo Ranieri fa del suo meglio per calarsi nei panni dello storpio e sanguinario Riccardo (tanto da risultare a volte irriconoscibile) ma questo sforzo non è sufficiente a rendere verosimile il personaggio e forse un attore meno noto ma più carismatico sarebbe risultato più efficace

Da segnalare Sonia Bergamasco, che con la sua altissima qualità recitativa, come al solito fa la differenza.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *