Cinema News — 26 maggio 2013

Il tirannosauro è una presenza ingombrante che non vedi ma i cui passi puoi sentire avvicinarsi a te. Aleggia, è presente nella tua vita, nella tua anima. È il nomignolo affettuoso dato da Joseph alla moglie ormai defunta ma è anche la rabbia che come una vera e propria malattia rode la mente e attende di esplodere e implodere nella quotidianità dei due protagonisti.

Joseph e Hannah, due vite apparentemente opposte l’una all’altra che troveranno atrio comune nel charity shop di lei. In apparenza, lui è un’anima da salvare e lei la buona samaritana che unge di preghiere l’arrugginito meccanismo attorno al quale la vita dell’uomo ruota disegnando un girotondo di alcolismo, rabbia e feroci esplosioni di violenza.

In realtà, i ruoli che entrambi giocano nella propria esistenza non appartengono a registri così differenti e la via verso la redenzione che entrambi imboccheranno seguirà una direzione opposta a quella presentataci ai blocchi di partenza. L’uomo è un animale feroce, lo è il marito di Hannah, lo è il vicino di Joseph, lo è Joseph per primo ma, come dirà lui a un cane che gli viene aizzato contro e a cui poi staccherà la testa, non è colpa sua, è la realtà dei sobborghi che alleva i propri condomini ai dettami dell’odio e della prevaricazione. Nulla è semplicemente come appare. Il film si apre sul protagonista che uccide il suo cane, eppure lo amava. Hannah fa carità, è sposata e vive in una bella casa, eppure è solo una facciata, speso tumefatta. Joseph dice di essere entrato nel suo negozio solo per caso, eppure non è vero. La vita è solo una parte dell’esistenza, la morte è eterna è sarà a un funerale che i due toccheranno il proprio apice di felicità, prima che le disillusioni ricadano come fendenti su di loro, a increspare quegli effimeri sorrisi che sembravano promettere, fin dall’inizio di questa storia, un’illusoria possibilità di vita. Li incresperà proprio come i passi del tirannosauro di Spielberg facevano increspare l’acqua contenuta in un bicchiere. Ma questa possibilità arriverà, semplicemente lo farà per la via opposta a quella che si pensa.

 

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.