Cinema News — 26 luglio 2014
L’edizione numero 71 della mostra del  Cinema a Venezia (27 agosto-6 settembre) è diventata complementare al Torinofilmfestival nell’organizzazione di un palinsesto che mescola in maniera sperimentale nel concorso registi affermati (Mario Martone, Shinya Tsukamoto, Abel Ferrara, Saverio Costanzo, Andrej Konchalovsky ed Andrew Niccol ad esempio) e in via di consacrazione come David Gordon Green, Benoit Jacquot, Alix Delaporte, Faith Akin e Xavier Beauvois. Ciò non deve stupirci visto che alla guida del festival sul Lido c’è nuovamente il torinese Alberto Barbera e sembra che l’incipit della manifestazione sarà metacinematografico, visto che Birdman di Alejandro Gonzalez Inarritu sarà imperniato su un attore in crisi (il redivivo Michael Keaton). Il cote sperimentale viene evidenziato anche dalla nomina del compositore Alexandre Desplat a presidente della giuria, primo autore di musiche da film a rivestire tale incarico.
Fra i film fuori concorso più appetibili She’s funny that way di Peter Bogdanovich, The Sound and the Fury di  Joe Dante e La zuppa del demonio di Davide Ferrario. Noi di Ciaocinema puntiamo invece su questi cavalli apparentemente di razza:
Manglehorn di David Gordon Green con Al Pacino
Fires on the Plain di Shinya Tsukamoto
3 Coeurs di Benoit Jacquot con Charlotte Gainsbourg e Catherine Deneuve
Red Amnesia di Wang Xiaoshuai
Good Kill di Andrew Niccol con Ethan Hawke
In the Basement di Urlich Seidl
A giochi fatti la redazione tornerà su questi film, anche per verificare se siamo stati delle buone cassandre.Buona visione nel frattempo.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.